Tag

, , ,

i miei giardini. genova

i miei giardini. genova - francesca canobbio

Del fuoco fatuo
che mi segue in figura
come un jolly che accosta
ogni ventura 
io porto la targa mia
del mio territorio
nel passo 
della fiamma fresca 
di un flash
alla carta che si pesca
che è mappa sul mio mare 
di vecchie spade
fra cavalieri
di fumo
inalati
come la nebbia alla bocca
dove un porto
fugge dietro
la parola
che ancora
e la terra
si passa
che è fretta
e pace
insieme
d’insieme
seme
e
neanche il fango
su quel prato
che è un letto
coperto
fiore
che non ti
chiamo
mazzo

 
_
Il cobalto è soltanto l’inizio. Mi eserciterò su ogni capriccio di sfumatura possibile, sino alla fine del nero che inchioda una luna come un pulsante premuto per sbaglio in un quarto argento secondo su un podio di cielo che suona l’inno apolide con mano sul cuore del donatore e l’organo pizzicherà sui tasti una marcia funebre in ricordo delle sue canne