Tag

, , ,

l’odore della ruggine sulle spezzate corde vocali, al fumo perso nella veglia in speme di tua gloria, sul mio taccuino di parole annegate, che scorrono nell’apnea su di un vagone letto pieno, a passeggeri stranieri, me emigrante, al volo sul verbo, dall’essere passerella di reclame incompiuti solfeggiandoti appena con la mano sulla luna piena, alla tua fuga sul mio minuetto strozzato come il lungo collo di una bottiglia vuota, d’un profumo che ha perso essenza e spirito di ricreazione e più non scia, di scia in scia nei quartieri d’una tua memoria d’abat-jour, che accesa mi ricorda come ovale cameo d’un ritornello scenico di ballerinetta scalza, su di un siparietto da rivista, che aperto, come le mie gambe si chiude sulle gambe tue quando sceso, lo sguardo basso, non vede che un piede del tuo abisso sfilarsi dal corpo l’ultima parola della mia lettera alla tua bocca piena

Annunci